Tran Duc Thao: Consciousness & Language. Report of the Centenary Conference

1 |

If one asks to what extent Thao’s philosophical project has been effectively discussed in the  past fifty years, at least three points must be kept in mind. Firstly, it is clear from the very start that the problem of Thao’s Vietnamese period (1952–1991) is essential to determining the meaning of his works and especially of those he wrote between the 1960s and 1980s (see for instance Melançon 2016a). We shall also take note of the fact that an important part of the recent literature on Thao is eminently biographical and historical (see for  instance  Thao  1993,  2004  and  2013,  Hémery  2013,  Papin  2013  and Feron 2014). Secondly, over the course of the period in question, most of the interest in Thao’s works was extensively devoted to his writings on Husserlian phenomenology  (Neri  1966,  Rovatti  1970,  see  also  Tomassini’s  Italian translation  of  Phénoménologie  et  matérialisme  dialectique in  1970,  Picone 1972, Tomassini 1972, Brouillet 1975, Nardi 1994, Herman 1997, Benoist 2013, Feron  2013, Giovannangeli 2013, Melegari 2014, Melançon  2016b) and the role played by Thao among French students in phenomenology (see Brouillet 1970, Invitto 1985, Jarczyk & Labarrière 1990, van Breda 1962, de Warren 2009, Moati 2013, Feron 2017). Symptomatically, this literature is eminently introductive. Thirdly, several works have  been  devoted  to Thao’s reflection on politics and especially on Marxism and colonialism (see Federici 1970, McHale 2002, Majkut 2003, Espagne 2013, Melançon 2013, Simon- Nahum  2013).  Now  that  we  have  outlined  the  main  trends  of  secondary literature devoted to Thao’s life and work, let us mentiogenern a book of collected papers edited by Benoist and Espagne in 2013 which summarises the three main trends of secondary literature on Thao. It must be regarded as the first attempt to offer a comprehensive survey on Thao’s intellectual activity. What emerges  from  all  that  has  been  said  is  the  small  role  assigned  to  Thao’s philosophy  of  language.  Needless  to  say,  most  papers  devoted  to  Thao’s philosophy of language took the shape of reviews and brief articles (Drévillon 1973,  Caveing  1974,  François  1974,  Haudricourt  1974,  Trognon  1975, Schmitz  1978,  Baribeau  1986,  Tochahi  2013;  D’Alonzo  2016,  2017a  and 2017b). This fact is not surprising because the study of Thao’s writings is far from being highly selective and is still focused on some general issues.

On the occasion of the centenary of Thao’s birth, it seems important to go beyond both the evocation of his biography and a general introduction to his intellectual activity. Research should also pay special attention to Thao’s varied  and  multi-faceted  interests  in  several  scientific  fields.  A  wide  perspective on Thao’s works must not only consider Thao’s writings against the background of the phenomenological tradition. As it is well known, Thao’s reading of Husserl’s philosophy had interfaced in multiple ways with current findings in empirical sciences such as psychology and biology. In addition, we cannot  forget  Thao’s  long-standing  interests  in  the  field  of  linguistics  and anthropology.  The  international  conference  “Tran  Duc  Thao  philosophe: Conscience et langage” brought together scholars who usually work in several different  fields  to  share  their  understanding  of  the  inner  logic  of  Thao’s philosophical insight. The conference held in Paris from  November 24 until November 25, 2017 was organized by Alexandre Feron and Jacopo D’Alonzo thanks  to the  financial  support  of  the  Ecole  Doctorale  268  Language  et langue  (Sorbonne  Nouvelle  –  Paris  3),  the  Research  Commission  of  the Sorbonne  Nouvelle  –  Paris  3,  the  Laboratoire  d’histoire  des  théories linguistiques  (UMR  7597),  the  Fondation  Gabriel  Péri,  and  the  Editions Sociales . Keeping in mind the general framework of the two-day conference, let us now look at the speeches in detail. The goal of the following paper is to introduce  the  reader  to  the  most  relevant  questions  that  arose  during  the conference.

2 |

Thao’s  Phénoménologie  et  matérialisme  dialectique (1951,  henceforth PMD) is his most famous work. Contrary to the criticism of phenomenology that  Thao developed  in  the  1970s,  he  proposed  there  to  transcend  pheno- menology by way of a detailed analysis of Husserlian texts. For this reason, PMD  has  long  been  regarded  as  an  introduction  to  phenomenology. However, it was rather a manifesto against phenomenology. In this regard, it could  be  useful  to  notice  that  Thao criticised Husserl  for  detaching   con- scious  experience  from  real  life.  Thao argued  that  the  phenomenological analysis of the lived-experience must be integrated into the analysis of actual experience.  As  Guilherme  Costa  Riscali  described  in  his  talk,  Thao’s  re- evaluation  of  genetic  phenomenology allowed  him  to  show  to  what  extent phenomenology  could  actually  deal with  concrete  psychological  states. The psychological  standpoint  is  the  real  meaning  of  phenomenology.  Laurent Perreau’s talk explored to what extent phenomenology was truly overcome by Thao’s analysis. According to Perreau, the main point of divergence between Husserl and Thao can be seen in Thao’s misunderstanding of the peculiarities of the phenomenological approach. What Perreau put in question was Thao’s naturalism  and,  therefore,  the  fact  that  he  did  not  understand  the  way Husserl’s transcendental  account  and  his  notion  of  “genesis”  were  the  only available ways to justify every kind of  naturalism. The task of  phenomenology is to describe the processes and operations which are the preconditions for  having scientific  concepts.  Instead,  Thao’s  approach  took it  for  granted that the results of empirical sciences are the best starting point to speculate on the origins of consciousness.

This kind of remarks against Thao’s approach are widely discussed. Suffice it to recall that Ricœur (2004, 174) and Derrida (1990, 32) distanced themselves from Thao’s theory and regarded his approach as a return to the naïve attitude which took for granted the results of natural sciences. Against those interpretations, Lyotard (1954, 111) suggests that Thao’s point of view was a development of phenomenological analysis which had already described how scientific  notions  arose  from  operations  of  consciousness.  Thus,  Thao legitimately  rehabilitated  the  standpoint  of science.  Interestingly,  according to  Costa  Riscali,  Thao’s psychologizing  understanding  of  phenomenology risks falling back into a reductionist point of view.  Thao developed his own notion  of  “materiality”  against  the  background  of  his  criticism  towards Husserl’s “transcendental  phenomenology”.  But materiality  was  reduced  to the “natural thing” rather  than  being regarded as something which is always in  relation  to  the  human-specific  activity.  In  other  words,  Costa  Riscali argued that Thao’s naturalism thought of the materiality as an abstract origin of everything that exists, neglecting the different kinds of being.

If  we  want  to  consider  Thao’s  philosophy  of  nature  in  greater detail,  a reference  to  the  debate  between  Thao  and  Alexandre  Kojeve  (1902–1968) seems  to  be  necessary.  It  could  be  useful  to  remember  that  in  1948  Thao wrote  a  review  of Kojève’s Introduction  à  la  lecture  de  Hegel  (1947).  The debate  between  the  two  philosophers  continued  in  their  private  corres – pondence (see Jarczyk & Labarrière 1990). Thao’s main contention regarded Kojève’s  existentialist  reading  of  Hegel.  Thao  remarked  that  Kojève  was influenced by a dualistic insight which led Kojève to support the ontological difference  between  nature  and  spirit,  animals  and  humans  (cf. Thao 1948, 495). As Ovidiu Stanciu’s speech stressed, the core of the debate had focused on  the  question  of  what  “negativity”  is : Should  it  concern  the  anthropo- logical dimension alone, as Kojève wanted? Or is it legitimate to attribute to it a universal extension, as  Thao argued?  If  the Hegelian  dialectics  and  the notion of “negativity” do not lay at the heart of natural reality, the universal value of dialectical materialism is thereby weakened.

According to Stanciu, Kojève’s “theory of desire” broke the unity of nature and  failed to  clarify the scientific value of  natural sciences. As Thao noted, Kojève’s  assumption  made  it  impossible  to  suggest  a  dialectics  of  nature which assumes the ontological unity of nature and history. Against Kojève’s dualism or “double monism”, Thao’s monistic project aimed at describing the way  the  human  dimension  cannot  be  separated  from  the  natural  world, although it has its own properties and cannot be reduced to a mere physical dimension.  In PDM, Thao  argued that we can observe a primordial form of consciousness already in simpler organisms. According to him, inhibition is the negative  principle  that allows the dialectical development of  consciousness from behaviour. He argued that consciousness is nothing but the result of the inhibition of a given behaviour through a more sophisticated one.

3 |

For  Costa  Riscali,  Thao’s  view  of  materiality  led  him  to  dismiss  the dialectical  understanding  of  human  societies  and  human-specific  forms  of production. In a similar way, Perreau highlighted at the end of his speech the role Husserl’s notion of Lebenswelt could successfully play in a Marxist frame- work. We can simply observe that this perspective has been already suggested by  Italian  readers  of  Thao  since  the  1960s  (see  Neri  1966;  Rovatti  1970; Picone  1972,  Tomassini  1972). Along  this  line,  Timothée  Haug’s  speech pointed out some consequences of Thao’s naturalistic materialism in relation to the Marxist tradition. Returning to some implicit sources of Thao’s theory in some founding texts of Hegel, Marx and Engels, Haug tackled the pivotal function Thao attributed to the concept of “production” in order to solve the main  conundrum  of  Marxist  naturalism.  How  can  we  link the  ontological continuity of  nature and  the  human-specific  social life? This  point  allowed Haug to question the problematic status of the dialectic of nature. How can we suggest an anthropology aimed at understanding human-specific sociality without denying the natural origins of humans?

As  Perreau’s speech already pointed out, in PDM,  the role of mediation between the transcendental ego and material life was played by labour. According to Haug, the concept of production allowed  Thao to genetically think the  evolutionary  origin  of  consciousness  as  a  consciousness  of  productive activity. In this sense, Thao rejects a certain idealist view of production which is present in some of Marx’s writings. Production is not necessarily the result of an idea that precedes labour. Consciousness is not necessarily presupposed to production. On the contrary, consciousness emerges from the productive activity  itself.  That  means  that  the  behaviour  precedes  consciousness  and forms  its  contents. The  notion  of  “production” was  also  tackled  by  Jérôme Melançon’s  speech.  After  having  described  the  criticism  of  the  “pure  con- sciousness”  in  his  previous  works  (Melançon  2016b),  Melançon  retraced Thao’s theory of consciousness from his early writings until his last published works. Melançon’s emphasized  that for  Thao  consciousness is not a permanent state, but rather a response to practical situations. To put it another way, consciousness  is  always  consciousness  of  a social  practice  on  a  production- related  thing.  In  PDM,  consciousness  is  nothing  but  the  symbolic  trans- position of the material operations of production into a system of intentional operations.  In  this  way,  the  individual  ideally  appropriates  the  object  by reproducing it in their consciousness.

Andrea D’Urso suggested another way to take advantage of Thao’s theory of production. In the case of  Thao, as we have just seen, we can talk about the  homology  between  the  symbolic  behaviour  and  practical  and  manipulating skills. In a similar way, as D’Urso pointed out,  the Italian semiologist Ferruccio Rossi-Landi (1921–1985) suggested a theory of “the homology of linguistic production and material production”. Along the same line as Thao, Rossi-Landi focused on the importance of the role of human labour in the process  of  hominization.  To  him,  production  of  both  objects  and  signs (verbal and  non-verbal) is  what  makes  the  difference  between  humans  and other animals. And hominization must thus  be seen  as  the  slow process  of development of such a skill.

4 |

In Thao’s Recherches sur l’origine du langage et de la conscience (1973 hence- forth RLC), the “labour” and “the language of real life” are both parts of the immediate human life. They must be seen as the most fundamental forms of both  material  relationships  to  things  and  working  relationships  among fellows. According to Etienne Bimbenet, the development of  the indicative gesture during both the phylogeny and the ontogeny,  such as it is described by  Thao  in  his  RLC,  solved  the  main  conundrum  of  PDM.  According  to Thao’s PDM,  language played a role but not a very relevant one because it was simply the mental reflex of social praxis. To him, conscious contents were nothing but the ideal and solitary reproduction of some features of the real human behaviour. His perspective changed in his RLC: language is no more a reflex of social life but rather an essential element of social practices. And the conscious contents language produces were considered intrinsically social. In 1973,  Thao  regarded the origin of  human intentionality as the result of the  gesture  of  the  indication.  In  doing  so,  according  to  Bimbenet,  Thao anticipated the discovery of the so-called “joint attention” in the psychology of the child and a certain primatology of the 1990s and 2000s.

For  Thao  ([1973]  1984,  5)  “the  indicative  gesture  marks  the  most elementary  relation  of  consciousness  to  the  object  as  external  object”.  The world is my world no more; it becomes the transcendent world which exists outside  me, independently of  my will, and  existing for  the  others. On  the contrary, animals perceive the object as part of their own behaviour. In this case, the object is nothing but the last physical extension of the own body. Of course,  Thao  admitted  that  primates  could  recognize  indicative  gestures  as such. But the “gestural activity of apes denotes feeling and action” (id., p. 20) rather than  the  “meaning of the object”. Thus, apes merely employ gestures as imperative means to satisfy immediate needs (this view is substantiated by recent studies: cf. Vauclair & Bertrand 2002: 309, 323-324; Vauclair 1992: 125,  134,  175;  Lestel  2001:  143;  cf.  also  Bimbenet  2011:  291).  The consciousness  of  the  object  as  mind-independent  thing  marks  the  most relevant  difference  between  humans  and  animals.  In  fact,  according  to Bimbenet, human language is simultaneously directed toward the reference as well as toward the others. The pointing, in other words, shows the thing as the  external  target  of  common  attention.  As  such,  the  thing  becomes  the object of several different perspectives, that is, the shared ground of human discourses  (cf.  Bimbenet  2011:  308-310;  cf.  also  recent  studies  concerning the  development  of  language  in  the  child:  Schaffer  1984:  79;  Camaioni 1993:  84;  Tomasello  1995:  106;  Eilan  et  al.  2005:  5;  Morgenstern  et  al. 2008).

The formation of a “semiotic consciousness” was at the heart of Antonino Bondì’s talk. According to Bondì, Thao’s theory highlighted the link between the  origin  of  consciousness  and  semiosis,  between  perception  and  the  in- trinsic sociality of both signs and forms of consciousness. In his RLC, Thao described  the  different  stages  of  signs  formation  –  and  therefore  of  the formation of consciousness – as a slow process (appearance, stabilization, use, and  deformation).  Bondì  argued  that  for  Thao  sociality  exists  before  every semiosis.  Specifically, signs  are  part  of  a  social-based  network  of  actions. Semiosis  is  therefore  a  field  of  forces  in  which  signs  are  taken  up  and ceaselessly transformed. And consciousness  is  something that  emerges from that kind of interactions. Within this original scene, as a matter of fact, the indicative  gesture  plays  a strategic  role. The  indicative  gesture  has  a triadic structure,  as  Bimbenet  had  already  pointed  out,  and  thus  concerns  an external object, the subject and a still anonymous collectivity. Bondì added that  the  indicative  gesture  is  the  device  that  Thao  used  to  describe  the perceptive nature of semiosis and the social nature of perception.

5 |

At  the  launch  of  the  conference, Dan  Savatovsky drew  attention  to the way in which Thao increasingly linked linguistics and auxiliary fields (philo- sophy  of  language,  linguistics,  psychology,  and  anthropology)  during his whole career. In this vein, Savatovsky made special points to the extent  that Thao’s  hypothesis  on  language  origins  transcends the  narrow  limits  of structuralist  linguistics. In  this  regard,  we  must  mention  Thao’s  articles written  for  the  Nouvelle  Critique between  1974  and  1975.  Jean-Jacques Lecercle’s talk tackled those articles and analysed them in great detail. Thao’s theory of the formation of language had to contend with the most influential available semiotic model. That was Saussure’s semiotics.  So Thao’s criticisms towards Saussure must be regarded against the structuralist understanding of certain hypotheses of the  Cours de linguistique général.  Thao disagreed with the primacy of arbitrariness and condemned the extension of the properties of linguistic signs to all kinds of signs. In this respect, Thao’s semiotic project revaluated symbols and partially motivated signs. He admitted the existence of  some fundamental signs that were the  precursors  of  developed linguistic signs.  Therefore,  he  suggested  to  transcend  the  representation  of  linguistic systems and analyse the bond between signs and the body, the link between symbols and reality, and the social origins of semiosis.

As Lecercle pointed out,  Thao regarded Saussurean arbitrariness more in terms of the conventional relationship between signifier and meaning than in terms  of  non-motivation.  But  conventionalism  must  necessarily  assume  a pre-existing communicational, cognitive and social layer. Such a remark may seem  trivial,  given  that  much  has  been  written  about  the  vicious  circle implicit  in  conventionalist  positions  since  Plato’s  Cratylus at  least.  As  indi- cated in the RLC, Thao was aware of this debate and what interested him is rather  to take  a position against  the tautologies and  pleonasms  typical of  a semiology  that takes a system of signs that refer to each other as its subject matter. Lecercle took seriously into account the need to evaluate the contri- bution that Thao’s approach can make to the project of a Marxist philosophy of language. This kind of philosophy of language must study the role played by labour, body, and social relations in the formation of both communication skills and consciousness. At the same time, this perspective indicates the need for  a  research  which  describes  Thao’s  approach  against  the  background  of other Marxist semiologists. Along this line, D’Urso compared Thao’s insight with  Valentin  Vološinov’s  (1895–1936)  semiology.  For  both  Vološinov  and Thao,  individual  consciousness  is  a  socio-ideological  fact.  Language  is  the semiotic material of the inner life of consciousness. Consciousness is indeed the language that individuals address to themselves, usually in the sketched form of inner language.

We  should  now  highlight  that  Thao  was  eminently  interested  in  the cognitive value of the language of real life. The language of real life conveys unconscious as well as preconscious significations. For this reason, it supports every  intellectual  activity.  Interestingly,  as  Savatovsky’s  opening  speech pointed  out,  if  the  language  of  real  life  is  the  basis  of  systems  of  arbitrary signs, we can reason that it is the base of scientific metalanguages, including that  of  linguistics.  Another  way  of  saying  this  is  that  the  scientific  meta – language of linguistics arises from linguists’ real working practice, along with ambiguities, inaccuracy, unconsciousness, and so forth.

This  point  leads  us  to  consider  the  role  Thao assigned  to  ideology. Although  not  presented  systematically,  a  sketch  of  a  materialist  theory  of ideology was at work in Thao’s writings. The problem of ideology is linked to that of the genesis of idealities. As  Yohann Douet highlighted, Chapter 2 of Part 2 of  PDM had tackled a critique of the ideologies of transcendence – which  arose  as  a consequence  of  private  property.  In  PDM, ideology  arose from  alienation,  i.e.  from  the  opposition  between  an  objectivity  which  is perceived as extraneous by the subject and the productive and creative subjectivity.  In  RLC,  Thao changed  his  perspective.  The  RLC  described  the genesis  of  conscious  contents  from  the  various  configurations  of  the  social division of  labour. However, ideology was still at work. It was the result of the internalisation of real contradictions and produces a mystification of the genesis of conscious contents. Examples of ideology are structuralism, pheno- menological idealism, and religion. In these cases, the subject is not aware of the social origin of  consciousness, thought, and language. The fact that for Thao the critique of ideology shows the social origin of conscious contents – which  arise  from  cooperation  and  social  relations  –  seemed  to  Douet  and Lecercle an important aspect that would integrate Althusser’s theory of ideo- logies. Contrary to what Althusser claimed, for Thao ideology is not a primary fact  but  a  distortion  that  can  be  overcome.  We  need  to  create  the  material conditions to enjoy the social origin of conscious contents. In the same vein, Thao’s theory would make it possible to generalize and deepen Althusser’s con- cept of “interpellation” as Thao’s materialist philosophy of language highlights how interpellation is rooted in material, bodily, and aesthetic processes.

6  |

Guillaume Dechaffour suggested a comparison between Thao’s approach to  language  development  in  the  child  and  Piaget’s  psychology  and  episte – mology. Although Piaget is quoted by Thao only as a source of examples and not  as  a  theoretical  model,  Dechaffour  believed  that  Piaget  and  Thao had shared  methods  and  points  of  view.  In  particular,  their  two  theories  of knowledge  share  a  certain  idea  of  intelligence  as  the  fruit  of  a  process  of development.  Knowledge  is  a  concrete,  collective,  cumulative  process,  an activity that is constantly renewed. They therefore shared the idea that truth must  be  seen  as  the  result  of  development.  For  this  reason,  both  aimed  at studying the history of knowledge, the development of intelligence, the evo- lution of cognitive abilities, the phylogeny and ontogenesis of intelligence (in this regard, Gould 1977 was mentioned several times during the conference).

We  have  now  to  wonder  if  the  same  criticism  we  can  apply  to  Piaget’s approach could be also applied to  Thao’s theory (for instance Marion et al. 1974). According to  Thao, symbolic skills are inherited structures. Thus, he admitted  the  innateness  of  at  least  a  part  of  modern  human  symbolic abilities. Against Behaviourism, language acquisition is not totally explained as the result of learning. The child is not a passive learner who responds to environmental stimuli but rather reactivates certain skills which depend upon a  genetically  predetermined  maturational  process.  The  same  nativist  pre-determinism  has  been  suggested  also  by  some  neo-Piagetian  psychologists (Pascual-Leone 1970, Case 1985, Karmiloff-Smith 1993). Moreover, it seems that Thao was suggesting that the formation of language in the child depends upon more general cognitive skills that enable the child to organize his/her experience  of  the  world.  In  the  same  period,  this  was  the  insight  of  the psychologist Sinclair de Zwart (1967), for instance. But ultimately, this was one of the main assumptions of Piaget’s development psychology – for whom Sinclair de Zwart and Thao developed a great admiration.

One  could  suggest  that  Thao  and Piaget  have something more  in  com- mon.  As  a  matter  of  fact,  both  of  them  stated  that  symbolic  skills  arise through  stages  which  are  the  same  for  all  children  in  the  world.  But  this assumption  implies  the  need  to  explain  why  and  how  all  children  in  the world  show  the  same  development  by  stages.  Thao’s  answer  was  that  all children share the same phylogeny. The fact that the essential condition that determines  the  emergence  of  symbolic  behaviour  in  the  child  should  be sought in the phylogeny justified  Thao’s choice to analyse a limited number of  examples.  Methodologically,  Thao  mentioned  observations  concerning a few toddlers who are observed regularly every day for a few years. In effect, the fast development of linguistic skills of children entails the impossibility of obtaining  a  sufficiently  large  number  of  observations  concerning  a  given symbolic  behaviour  from  the  observation  of  a single child. For this  reason, Thao analysed the symbolic behaviour of some children who were the same age.  This  method  had  been  employed  by  a  wide  range  of  scholars  (for instance:  Bloch  1913,  Cohen  1925,  Grégoire  1937,  Leopold  1939-1949, Piaget  1923,  1024,  id.  1936  and  1945).  But  the  age  classification  of  the linguistic skills in the child is not without certain difficulties. First, Drévillon (1973, 281) remarked that  Thao’s hypothesis lacked a solid basis of experi- mental  data.  Second,  as  Cohen  (1925)  had  already  remarked,  a  child language  that  could  be  classified  by  age  does  not  exist  because  one  can observe a quick development and the coexistence of several skills that theo – retically  belong  to  different  stages.  Another  conundrum  of  the  age  classifi – cation is the fact that the choice of the subject is made on the basis of the age independently  from  the  social  and  cultural  milieu  of  origin.  This  lack  is interesting especially since, in the same period, sociolinguistics took its first steps in Western countries (see Hymes 1962, 1964, 1974, Labov 1966, 1969, Fishman  1970,  Gumperz  1971,  Haugen  1972)  after  having  had  a  great success in the USSR in the 1920s and 1930s (for more details see Brandist 2003, 2006,  Simonato  2014).  Lastly,  Thao repeatedly  told  us  that  the  linguistic  function  of  the  child  must  be  analysed  independently  from  the language of the adult. But we cannot deny the fact that the language of the adult is the culmination of the process of linguistic development of the child. The two poles of that antinomy – autonomy of the language of the child and adults’ language-oriented description – is maybe a conundrum relating to any other investigation into the language of the child.

According  to  Dechaffour,  Piaget  shared  with  Thao the  postulate  that ontogeny  recapitulates  phylogeny.  This  point  represents  one  of  the  most delicate  aspects  of  Thao’s  theory.  It  is  not  our  intention  to  deal  with  that point in the present paper. What we want to emphasize is the fact that there are two ways to address Thao’s theory of recapitulation. Both were addressed during  the  conference.  In  the  first  case,  the  theory  of  recapitulation necessarily poses the problem of a human nature shared by all human beings. Against the alienation of capitalist societies and every cultural revolution and re-education  supported  by  Maoist  and  Stalinist  regimes,  Thao  claims  the existence  of  a human nature  resulting from the evolutionary history of  the species and to which everyone participates. Alienation or the consequences of radical  nurturism  make  human  nature  –  which  coincides  with  sociality  – something foreign to individuals.

Along  with  political  consequences,  the  recapitulation  theory  also  poses some  epistemological  problems. Of  course,  Thao assumed  the  findings  of anthropology and psychology as empirical foundations of his own hypothesis on the origins of consciousness. But it does not mean that he employed the methods  of  sciences  to  develop  his  theory.  To  him,  in  fact,  dialectical materialism alone could offer the methodological tools to correctly speculate about the origins of consciousness. In other words,  Thao did not apply the methods  of  anthropology and  psychology to his philosophical research. He rather employed the findings of those sciences in order to empirically justify and check his own hypothesis.  Dialectical materialism offers neither imme- diate results nor an empirical starting point to make detailed hypothesises on the  origins  of  consciousness.  Instead,  dialectical  materialism  is  the  method that  compensates  the  lacunae of  anthropology  and  psychology.  As  Didier Samain  showed  very  well, we  must  wonder  to  what  extent  unconstrained speculations  about  the  origins  of  language  can  be  considered  epistemo- logically effective. Samain reasoned that what is missing in Thao’s approach is indeed  a  scientific  adherence  to  the  description  of  observable  data.  To  de – monstrate  this,  Samain  mentioned  some  results  of  previous  interventions. Given  that  it  is  not  possible  to  reconcile  phenomenology  and  empiricism, transcendental genesis and empirical genesis, Thao was forced to decide and chose  to  eliminate  phenomenology.  However,  Thao  fails  to  propose  an empiricist  theory of  language  and spent his energy adding fiction  to empi- rical  data. One  could  affirm  that  Thao was  a  supporter  of  a  moderate scientism – the belief that sciences alone can yield true knowledge about the natural  world,  humans,  and  society.  But  one  must  also  remark  that  Thao took  dialectical  materialism  more  for  granted  than  scientific  findings.  We must  ask  the  question:  What  kind  of  knowledge  can  emerge  from  an approach of this kind? This is a problem that concerns the theory of Thao, of course, but which also involves recent research into the origin of language.

7 |

At this point, we would like to shift attention to the most relevant results of  the  conference  and  other  further  perspectives.  One  of  the  main  contri – butions  to  the  conference  was  the  special  attention  paid  to  Thao’s unpublished  writings.  Archival  documents  refute the  view  that  Thao  was alone  and  isolated in Vietnam. Let  us mention  just three examples.  At the Department of Applied Philosophy, Sociology, Pedagogy and Psychology of the  University of  Padua, there  is  the  Rossi-Landi Fund.  In  this  found  it  is possible  to  consult  the  exchange  of  letters  between  Rossi-Landi  and  Thao taking  place  from  1971  until  1973  (see  D’Alonzo  2017b).  The subject of the letters is the editorial project of a volume titled  L’Origine del linguaggio e della coscienza (The Origin of Language and Consciousness) that would collect the Italian translation of some of  Thao’s articles that appeared in  the  previous  decade  in  the  French  review correspondence  concerning  theoretical  as  well  as  practical  topics  existed between Thao and the French philosopher Lucien Sève  (born in 1926) and which took place between 1971 and 1986 at least. In the case of Rossi-Landi and  in  that  of  Sève,  several  books  and  reviews  were  sent  to  Thao  (see D’Alonzo 2017b). From 8 March to 27 May 1982, Thao was in East Berlin as  a  visiting  scholar  at  the  German  Academy  of  Sciences  (Akademie  der Wissenschaften)  under  the  supervision  of  Vincent  von  Wroblewsky.  The three examples we have mentioned show very well that Thao was not alone and  isolated  but  rather  was  up-to-date  on  recent research.  However,  the conference also showed the need for a closer understanding of the material conditions in which Thao lived and worked between the 1950s and 1980s. Further research concerning this point will be warmly welcomed.

The part played by Thao in the history of Marxism emerged as one of the main concerns of the debate during the conference. It is important to expand the  debate  which  was  launched  during  the  conference.  In  addition,  the moment  has  arrived  to  discuss  novel  and  innovative  approaches  to  Thao’s intellectual  activity  beyond  the  narrow  limits  of  the  history  of  the  pheno – menological movement. In this way, there is an increasingly urgent need to study the way Thao’s theory interfaced in multiple ways with several different fields of research. During the conference, the need to compare Thao’s theory with sciences emerged repeatedly. Likewise, D’Urso and Samain offered the first elements for a comparative study of Thao’s semiology with other Mar – ist models. The work to be done is still significant and any contribution is welcome. At the same time, Bimbenet  highlighted the fruitfulness of  Thao’s thinking  compared  to some  contemporary research  on  the  development  of intelligence in the child. Thao’s suggestions would allow in fact to integrate some  theoretical  deficiencies  of  current  research.  The  fertility  of  Thao’s thought was  also recognized  by Lecercle and Douet but in a very different context.  According  to  Lecercle  and  Douet,  Thao’s  thought  is  particularly  La  Pensée.  A  wider x  44 | J. D’Alonzo,  Tran Duc Thao philosophe useful for anyone who wants to propose a materialist philosophy of language and open up a Marxist theory of ideology.

The last points afford us the opportunity to further develop the problem every naturalism must face. Simply put, we can address the question of what constitutes  the  explanatory  power  of  language  evolution  research.  We  can also ask if Thao held a linear theory of both natural and social evolution or if he  admitted  the  importance  of  historical  contingency.  In  other  words,  the question  is  whether  he  was  a  determinist  or  believed  in  the  possibility  of diverse  trajectories  of  historical  development?  How  did  he  avoid  the biological  reductionism  and  the  culture-historical  relativism?  Even  if  he admitted that being has an ontological priority over thinking, did he accept the idea that they were mutually constitutive of one another? What is the role of  transhistorical attributes of  the  human  being in  Thao’s  theory? Is  Thao’s theory of the formation and the development of the self still useful for today’s research  in  psychology?  Is  his  theory  of  the  way  human  beings  distinguish themselves  from  the  world  in  which  they  live  by  way  of  the  gestural indication a go d support The list could extend much further.

Lastly,  we  can  note  that,  after  having  described  the  way  Thao’s  RLC analysed  the  development  of  cognitive  skills  among  our  ancestors  in  great detail, Melançon’s talk focused on Thao’s latest writings and showed the new forms  Thao’s  theory  took  over  the  years.  Unfortunately,  the  attention Melançon  paid  to  Thao’s latest writings  was an isolated attempt during the conference.  Further research will have to deal with this point in so far as a more comprehensive view of  Thao’s work cannot neglect an important part of his career. And, as  Melançon showed, that part of  Thao’s career is full of ideas, analyses and proposals which transcend the question of the origins of language  and  consciousness.  Further  research  concerning this  point  will be warmly welcomed.

Verbal, linguistique et langagier : Enunciazione e antropologia del gesto mentale

È nel 1965 alla Bouloie, a Besançon, che ho introdotto il termine «linguaggero» di fronte a 120 linguisti molti dei quali autorevoli. Per me era un termine importante. […] Forte reazione dell’uditorio che mi rispose: «Questa parola non non significa nulla».

Antoine Culioli

1 | Introduzione

Proverò a discutere una partizione introdotta nel lessico tecnico della teoria delle operazioni predicative ed enunciative di Antoine Culioli (d’ora in poi, TOPE). Tenterò di chiarire in particolare il significato della distinzione tra «verbale» (verbal), «linguistico» (linguistique) e «linguaggero» (langagier) (cf. Culioli 1976, 2014, La Mantia 2014). Allo scopo, approfondirò un concetto, recentemente introdotto da Culioli che gioca un ruolo operativo di capitale importanza nell’economia generale di TOPE, quello di «gesto mentale» (cfr. Culioli 2011). Sulla base di questo approfondimento proverò, da un lato, a esaminare i nessi su cui la partizione è articolata e, dall’altro, tenterò di leggere il «gesto mentale» di Culioli alla luce di un programma di ricerca oggi al centro di un rinnovato interesse in taluni ambiti dell’indagine antropologica (cfr. Citton 2012) e linguistico-cognitiva (cfr. Bottineau 2013). Mi riferisco all’Antropologia del gesto di Marcel Jousse (cfr. Jousse 2009). Grazie a quest’approfondimento tematico, cercherò di stabilire alcune ana­logie potenziali tra i «gesti mentali» di Culioli e i «mimemi» di Jousse. Nelle conclusioni, dopo un veloce riepilogo, proverò a ripercorrere critica­mente l’architettura generale della partizione culioliana sollevando alcune questioni che restano aperte nell’ambito dei temi trattati.

2 | Definizioni di servizio

Nell’ottica di TOPE, “verbale”, “linguistico” e “linguaggero” sono eti­chette metalinguistiche che corrispondono a livelli di descrizione peculiari dell’attività di linguaggio. La prima etichetta, “verbale”, è adoperata in riferimento ai processi di audizione e fonazione che caratterizzano il piano dell’interlocuzione: «verbale: produzione (nel senso di fonazione) e audi­zione» (Culioli 1976, 4). La seconda, “linguistico”, è adoperata in riferimento al complesso di regole che specificano l’apparato formale di una lingua storico-naturale: «linguistico: qualifica un sistema di relazioni esistente in una lingua, e, in generale, l’insieme di regole di cui un soggetto si è appropriato» (Ibidem). La terza, “linguaggero”, è adoperata in riferimento alle operazioni di linguaggio eseguite entro situazioni date: «linguaggero rinvia all’attività di linguaggio dei soggetti entro situazioni date» (Ibidem). Una presentazione così rapida – basata, peraltro, su definizioni minimali – merita qualche nota di commento.

3 | Che cosa si intende per attività di linguaggio?

Mi concentrerò anzitutto sull’espressione “attività di linguaggio” intorno a cui ruota la definizione di “linguaggero”. Con una buona dose di approssi­mazione, il termine “attività di linguaggio” designa l’insieme di pratiche ed operazioni soggiacenti alla circolazione dialogica del senso. Esso si riferisce così a una varietà estesa di fattori eterogenei che comprende grosso modo: a) contenuti mentali non immediatamente (o non necessariamente) verbalizzati; b) condotte di ordine mimico-gestuale basate sul corpo – e, in senso ampio, sull’esperienza della corporeità; c) riti e ritualizzazioni ancorate agli immaginari mitici delle culture; d) ogni forma di prassi all’origine di tecniche, artefatti o strumenti che sono il precipitato (e spesso la miscela) di valori estetici, religiosi e funzionali. TOPE chiama “ideo-prassi” il complesso di tali fattori. L’attività di linguaggio è in tal senso un caso esemplare di attività ideoprassica: «[…] il linguaggio è un’attività ideo-prassica […] il lato prassico del linguaggio definisce tutto un insieme di condotte, comprese le condotte gestuali che impegnano il corpo […] Resta il fatto che il linguaggio è un’attività simbolica che bisognerà definire. […] E sappiamo bene che pro­prio perché – in modo molto generale – possiamo dire che il linguaggio è un’attività simbolica o ideoprassica, esso interessa numerosi domini differenti. Per esempio, quello dell’attività psichica. E in tal caso è abbastanza difficile stabilire in modo soddisfacente la relazione che esiste tra linguaggio e pensiero» (Ibidem, 3-4, corsivi mei). O ancora: «[…] il gesto e lo strumento si combinano entro condotte significanti ritualizzate oppure no […] pren­deremo così in considerazione anche i gesti, inclusi quei gesti facciali che sono le mimiche […]» (Culioli 1993, 161-162). Da questo primo appro­fondimento del termine discendono alcune conseguenze fondamentali.

3.1 Irriducibilità del linguaggero e fenomeni di ibridazione

Innanzitutto, una conseguenza sul piano terminologico ed epistemo­logico: i vocaboli “linguaggero” e “ideoprassico” sono equivalenti e rinviano allo stesso livello di descrizione. Per la precisione: il livello al quale i fenomeni esaminati assumono la forma di “luoghi ibridi” – ossia domini in cui inter­feriscono aspetti differenti della cognizione. Da qui una seconda conseguenza di pari tenore: la sfera del linguaggero non può essere ricondotta né alla sfera del linguistico né a quella del verbale. Culioli (1981, 50) chiarisce molto bene questo punto con particolare riferimento agli apparati formali delle lingue. In breve, le analisi di ordine strettamente linguistico si arrestano ai testi – o configurazioni, nel lessico di TOPE – e alle lingue da cui essi dipendono. Le analisi di ordine linguaggero invece si estendono al di là (o al di qua) dei testi e coprono generi di espressività che non si manifestano necessariamente attraverso il medium formale delle lingue. Per esempio: l’espressività corporea in tutte le sue articolazioni possibili (motoria, gestuale, posturale); ma così pure l’espressività onirica (archetipi, creature fantasmatiche), e così via. La sfera del linguaggero corrisponde dunque a un campo di fenomeni più ricco della sfera del linguistico – e questo, grosso modo, spiega lo scarto qualitativo tra i due livelli: «[…] il linguaggero non può essere ricondotto al linguistico nel senso stretto del termine, vale a dire a semplici configurazioni che passano attraverso una lingua data, poiché abbiamo a che fare con un dominio che comprende l’attività simbolica, cognitiva, etc.».1 Pertanto, «siamo obbligati ad avere un certo numero di luoghi ibridi». Quanto al divario tra linguaggero e verbale, esso si riduce al fatto che vi è tutta una parte dell’attività di linguaggio al di fuori dell’interlocuzione – ovvero una razionalità silenziosa (cfr. Culioli & Normand 2005). Con questo termine, TOPE si riferisce a un vasto repertorio di operazioni mentali, per lo più inconsce, che garantiscono la circolazione dialogica del significato e che risultano ancorate a basi di esperienza corporea da cui dipendono, come si è visto, alcune forme di attività linguaggera fondamentali. Nei termini di Normand (2009:36): «[…] una “razionalità silenziosa” all’opera in processi contemporaneamente cognitivi e affettivi, inseparabili da un impegno corporeo […]». Queste, in sintesi, le differenze principali tra linguaggero, linguistico e verbale. Si tratta di distinzioni preziose perché permettono di esaminare i fenomeni di linguaggio su più livelli di dettaglio evitando il rischio di pericolose confusioni terminologiche. Bisogna aggiungere, però, al fine di fugare equi­voci non meno fuorvianti, che tali distinzioni non prevedono affatto una struttura a compartimenti stagni. L’orientamento generale di TOPE è diverso: essa presenta linguistico e verbale come sotto-sfere del linguaggero e ammette la possibilità di ampi margini di sovrapposizione tra una sfera e l’altra. La nozione di “gesto mentale”, comparsa in alcuni preziosi contributi di recente pubblicazione (cfr. Culioli 2011, Ducard 2009, 2011, 2012), offre una via d’accesso privilegiata alla forma di tali sovrapposizioni.

3.2 Una citazione

Per cominciare, una citazione: «[…] di fronte alla complessità dell’attività di linguaggio, alla diversità dei testi e delle situazioni così come alla singo­larità delle lingue, il metodo deve farsi ampio e raffinato nelle osserva­zioni, e, nello stesso tempo, unire la materialità dei gesti umani in situazione e l’idealità […] dei gesti mentali di cui le lingue ci forniscono la traccia» (Culioli 2006, 368-369, corsivi miei). Si tratta di un passo che condensa in poche righe quasi tutti i livelli di descrizione ammessi da TOPE: c’è il linguaggero (la complessità dell’attività di linguaggio e la materialità dei gesti umani in situazione), c’è il linguistico (la diversità dei testi e la singolarità delle lingue). Manca invece un riferimento esplicito al verbale. Altrove però leg­giamo che i gesti di cui deve tener conto l’analisi metalinguistica non sono solo le mimi­che facciali, con annessi movimenti delle braccia, delle mani, del capo, etc., ma anche i movimenti degli organi fonatori, ovvero i “gesti fonici”: «prende­remo in considerazione anche[…] i gesti fonici, che sono la prosodia o l’into­nazione» (Culioli 1993, 162). Si può così supporre che “la materialità dei gesti umani in situazione” comprenda anche i gesti fonici. Con una metafora: che il verbale si annidi tra le pieghe del linguaggero.2 Ma c’è di più: ogni gesto (mimico, fonico e in senso ampio corporeo) ha una controparte psichica (l’idealità dei gesti mentali) che si manifesta, tra l’altro, attraverso il medium formale delle lingue. Proseguendo nel gioco metaforico: che il linguaggero sia sedimentato nel linguistico. Fuor di metafora: l’indica­zione generale del passo citato è che i confini tra le tre sfere sono mobili e garantiscono la descrizione di fenomeni (o luoghi) ibridi – nel senso di §3.1. La nozione di gesto mentale, che copre una porzione più che rappre­sentativa di tali fenomeni, offre un’occasione preziosa di chiarimento delle interferenze tra aspetti diffe­renti della cognizione su cui TOPE basa la propria definizione di luogo ibrido.

4 | Gesti mentali

L’espressione “gesto mentale” ricorre nella cultura filosofica di lingua fran­cese (cfr. Citton 2012, 17, Simondon 2005, 560, La Garanderie 1987) e talora nelle semantiche cognitive anglo-americane (Langacker 2009, 120). TOPE adopera tale espressione in riferimento all’ipotesi secondo cui le forme dell’esperienza senso-motoria e gestuale sono in relazione costante con l’attività mentale soggiacente alla costruzione del significato – ossia con le operazioni di rappresentazione, referenziazione e regolazione. Nelle parole di Culioli (2011, 8): «Dopo diversi anni, sono arrivato ai gesti mentali. Ricordo di cosa si tratta: introdurre la relazione tra, da un lato, tutta la nostra attività sensomotrice e, dall’altro, i nostri gesti in vista di un’azione: tramite ciò vi è una mobilitazione delle nostre Rappresentazioni (di ordine mentale) che è inserita in situazioni esistenti (dunque: Referenziazione […]) e sempre accom­pagnata da Regolazione […]».3 Per il livello di generalità adottato, tralascerò l’approfondimento della terminologia tecnica al fine di discutere il significato complessivo dell’ipotesi in questione.

4.1 Gesti mentali: dal testo ai “semantismi”

Ducard (2009) e Ducard (2012) offrono al riguardo alcuni spunti di riflessione pre­ziosi. Un’indicazione in particolare chiarisce il significato dell’intuizione culioliana: i gesti mentali sono il risultato della registrazione psichica (o interiorizzazione) di esperienze corporee che interessano congiuntamente l’attività motoria e gestuale. I testi – e, più in generale, ogni espressione linguistica – sono la manifestazione verbale di gesti mentali. Questo è quanto si può leggere in Ducard (2009, 68): «La nozione di gesto mentale poggia sull’ipotesi di fondazione secondo cui l’attività di linguaggio è il prodotto di un’attività simbolico-gestuale, sulla base di un processo di trasmutazione di una senso-motricità interiorizzata in rappresentazioni mentali di cui i termini linguistici sono le tracce verbali». Nello stesso spirito, Ducard (2012, 49) afferma: «A. Culioli chiama […] gesti mentali […] delle condotte corporee interiorizzate e convertite in rappresentazioni mentali trasposte in condotte verbali». I passi citati introducono nello spazio di poche righe parecchi concetti da approfondire. Anche in una forma così contratta però essi confermano alcuni dei punti cui si è accennato precedentemente. Nel caso specifico: che i gesti mentali sono il luogo di intersezione di tutte e tre le sfere dell’attività di linguaggio4. È in questo senso che si tratta di “luoghi ibridi”: ogni gesto mentale è presentato come il precipitato cognitivo di esperienze corporee – e latamente “prassiche” – (sfera del linguaggero) ricostruibili a partire da sequenze testuali (sfera del linguistico) prodotte nel corso di uno scambio interlocutorio (sfera del verbale). Più precisamente: i gesti mentali sono radicati nelle dotazioni semantiche (o “semantismi”) di ciascuna unità testuale – o anche di singole unità lessicali. Spetta all’analisi metalinguistica risalire dalle unità ai semantismi: «Le rappresentazioni legate all’attività di linguaggio sono schemi (esquisses) senso-motori di cui abbiamo traccia nel semantismo delle parole».5 Tra gli esempi reperibili in letteratura, vi è il russo somnenie (dubbio) esaminato in Culioli (2006, 371).

4.2 Un caso di studio: somnenie

Dopo aver analizzato alcuni aspetti metalinguistici della locuzione vrjad-li (“è dubbio/ è poco probabile che”), l’Autore passa all’esame di somnenie osservando che in russo antico esso è il traducente dei termini greci eulabeia (circospezione, cautela) e deos (timore): «Quanto alla parola russa per dubbio (somnenie) è stata impiegata in russo antico per tradurre il greco eulabeia (circospezione, cautela) e deos (timore)» (Culioli 2006, 371). L’indagine si concentra successivamente sul primo termine, eulabeia; in particolare, sul prefisso, eu (bene) e sulla radice lab – da cui, tra l’altro, lambanein (prendere). Il valore ricostruito su base etimologica è così “prendere bene” nel senso di “maneggiare con cura” ossia “agire”, “affrontare una situazione con pru­denza”: «In eulabeia troviamo eu (bene) e lambanein (prendere): procedere (agire, affrontare una situazione con prudenza)» (Ibidem). All’etimologia sono associati in via del tutto congetturale certi tipi di azione che richiamano alcuni dei sensi suggeriti. Per esempio, i movimenti delicati di un archeologo nel corso di uno scavo oppure quelli ancor più lenti e cauti di un artificiere impegnato nella bonifica di un campo minato. Per tagliar corto, gesti – o, come forse sarebbe meglio dire, “condotte prassico-gestuali” – che richiedono precisione, senso della misura e attenzione per ciò che si sta compiendo: «Basta pensare a degli archeologi che fanno uno scavo, con pinze flessibili, con gesti misurati per evitare che lo stato sospeso porti alla catastrofe; o ancora degli artificieri: essi vantano un’attitudine fatta di precisione e cautela, ma sanno di stare in una zona incerta, di transizione, in cui occorrono gesti delicati; insomma, essi sanno come agire (ci sanno fare) al fine di portare a termine il proprio lavoro» (Ibidem). Di conseguenza, la ricostruzione metalinguistica dei gesti mentali soggiacenti sfrutta e fa interagire fonti di sapere differenti: dall’etimologia alla memoria dei gesti corporei fino alla conoscenza di pratiche, abitudini e tradizioni che variano nel tempo e nello spazio. Per citare ancora una volta Ducard (2009, 68): «[…] il linguista dispone di un certo numero di positività: gesti concreti, forme verbali empiriche, origini etimologiche che recano in sé le tracce di stati primordiali, oggetti tecnici e azioni legate a pratiche, abitudini, tradizioni». Bisogna capire in che senso e in che misura ciascuna di esse permette di accedere al gesto mentale ipotizzato.

4.3 L’etimologia come glossa

Quanto alle etimologie, si tratta di strumenti filologici adoperati da TOPE per indicare la presenza di un legame tra la forma verbale esaminata e le condotte prassico-gestuali suggerite. Più che fornire però una prova certa del nesso istituito, il lavoro etimologico offre un commento sintetico (o glossa) al ragionamento metalinguistico che permette di risalire dalla forma alle condotte: «[…] in Culioli l’indagine etimologica, non è tanto una prova in sé, bensì una glossa che permette di confermare il ragionamento sulle tracce fornite dalla storia delle forme» (Ducard 2009, 70). L’onere della prova spetta al ragionamento nel suo complesso e interessa principalmente la scommessa teorica presa in carico: i gesti mentali come interiorizzazione di condotte prassico-gestuali. L’etimologia, se interpretiamo correttamente il cauto monito di Ducard (2009, 70), è, al più, rivelatrice di tracce psichiche di gesti corporei sedimentate nelle dotazioni semantiche dell’unità linguistica. La portata generale dell’ipotesi si estende invece ben al di là dei limiti dell’analisi etimologica comportando un impegno specifico sulla natura della cognizione umana e, in particolare, sulle basi corporee dell’attività di linguaggio. Questo aspetto è chiarito brevemente in Culioli & Ducard (2011, 145), con particolare riferimento ad alcune delle difficoltà che esso comporta: «Ducard: […] Lei (i.e. Culioli, scilicet) riconduce le rappresentazioni e le operazioni dell’attività di linguaggio a gesti mentali di cui le stesse forme semantiche recano in sé le tracce. […] Il che obbliga, d’altra parte, il suo lettore (o ascoltatore) a compiere uno sforzo di immaginazione per ritrovare la gestualità trasposta in rappresentazioni e operazioni di ordine simbolico». Come si evince dal passo citato, l’idea di gesto mentale prevede un passaggio – una trasposizione, nel lessico di Ducard (2011) – dal corporeo al simbolico, ossia la trasformazione di esperienze senso-motorie in contenuti cognitivi che passano attraverso il filtro delle culture. Per il linguista, i testi prodotti nel corso di uno scambio verbale sono il dispositivo principale di manifestazione di tali contenuti, giacché egli interpreta le culture nei termini di istituzioni linguistico-verbali. Il ricorso all’etimologia si inscrive in questo ordine di idee: essa è l’indicatore di condotte prassico-gestuali interiorizzate che occorre indagare per reperire nei testi le tracce di trasposizioni operanti dal corporeo al simbolico. Il chiarimento di tali meccanismi però trascende i limiti dell’etimologia e richiede l’intervento di altre competenze. Pertanto, se il linguista è in grado di riconoscere nei testi le tracce di condotte prassico-gestuali interiorizzate, è compito dell’antropologo e del neuro-scienziato esaminare i processi di interiorizzazione di tali condotte. L’invito al confronto interdisciplinare è una vocazione peculiare di TOPE che può essere apprezzata approfondendo il ruolo di almeno un’altra fonte: la memoria dei gesti corporei.

5 | Approfondimenti antropologici: la memoria dei gesti corporei

Ducard (2009) e Ducard (2011) dedicano al tema riflessioni molto interessanti. Il riferimento a Jousse (1974, 1975, 1978) amplia il quadro teorico generale e permette di discutere l’ipotesi del gesto mentale nell’ottica di un’antropologia culturale del linguaggio: «[…] introdurre il gesto mentale […] in una teoria linguistica dell’enunciazione […] nella prospettiva di una antropologia culturale del linguaggio» (Ducard 2009, 71). Con questa locuzione, vicina alla terminologia di Jousse (1978, 686; 722-725), l’autore intende riferirsi probabilmente a una disciplina che indaghi nelle diverse culture tutte le articolazioni possibili dell’espressione umana. Si tratta di un progetto scientifico enucleato, sia pure sotto forma di domanda retorica, in Jousse (1978, 686) – là dove però, invece di “antropologia culturale del linguaggio”, leggiamo “antropologia linguistica”: «Occorre forse precisare che, per “Antropologia linguistica”, intendiamo tutta l’antropologia dell’espressione umana logica, qualunque sia, d’altra parte, la forma – corporea, laringo-boccale o grafica – di questa espressione intelligente […]?». L’analisi assume contorni più precisi una ventina di pagine dopo dove la locuzione “Antropologia linguistica” è sostituita da “Antropologia del Linguaggio”. Al mutamento terminologico segue il chiarimento degli obiettivi disciplinari identificati con l’esame complessivo della gestualità umana – di tutta la gestualità umana: «[…] una delle ramificazioni più delicate dell’Antropologia (è) […] l’Antropologia del Linguaggio o scienza della gesticolazione significativa» (Jousse 2009[1978], 722). Le nozioni di mimema (mimème) e “intussucezione” (intussusception) sono alla base di questo esame e giocano un ruolo chiave nell’analisi dei gesti corporei.

5.1 Mimemi e intussucezioni

Il vocabolo “mimema” designa il risultato di un lavoro cognitivo che prende l’avvio dagli organi corporei di ricezione (tatto, vista, udito, etc.). Esso prevede due fasi (ovviamente differenti ma) strettamente correlate: gioco (jeu) e rigioco (rejeu). Il termine “gioco” si riferisce all’attivazione di tali organi, ossia ai meccanismi tramite cui l’apparato sensoriale umano accoglie e seleziona gli stimoli esterni – che hanno forma di interazioni: «Il gioco è il flusso di interazioni esterne (l’extérieur interactionnel) che s’imprime, s’inserisce in noi» (Jousse 2009[1974], 62). La metafora della sanguisuga, introdotta poco prima di questa definizione, indica che si tratta di processi automatici e in larga parte inconsapevoli: «Noi siamo come tante innumerevoli sanguisughe e non abbiamo bisogno di dire “porta qui, porta qui”. Ciò accade in noi, senza di noi» (Ibidem, 61, corsivi miei). Fuor di metafora: i recettori corporei sono in funzione sin dalla nascita e sensibili agli input esterni. Nei termini di Jousse (1974, 2009, 61): «Quante cose abbiamo ricevuto sin dal primo giorno di vita. Non appena siamo stati espulsi dall’utero materno, abbiamo registrato i nostri meccanismi recettori». Ma non è tutto. La costruzione di mimemi richiede almeno un’altra operazione, complementare all’attivazione degli organi recettori e consistente nella capacità di riprodurre, o produrre una seconda volta, quanto ricevuto. Il termine “rigioco” è riferito a tale capacità: «Sotto la sigillante pressione del reale, l’Anthropos si esprime come una cera fluida che non dovrebbe mai indurire. È questo il ri-gioco» (Ibidem, 62). Se il gioco è un’operazione in larga parte inconsapevole, il rigioco è un’operazione spontanea e, per così dire, inevitabile. L’uomo non può che rigiocare – nel senso stabilito – quanto ha recepito: «Non possiamo impedirci di rigiocare quanto entra in noi. Anche il bambino in fasce fa questo spontaneamente. Egli è sempre più irradiante di Mimemi […]» (Ibidem). Gioco e rigioco sono così anelli di una catena operativa che restituisce in forma di riproduzioni corporee interiorizzate (o mimemi) i flussi di interazioni esterne acquisite su base sensoriale: «[…] noi conosciamo ciò che, interagendo, si è impresso in noi ed è questo quel che si ex-prime. Ecco il rigioco […]» (Jousse 2009[1974], 62-63). Lo specchio scultoreo dalla superficie illimitatamente cangiante e fluida è forse l’espediente metaforico che più si addice alla resa intuitiva di tale processo: «[…] il composto umano, fatto di carne e di spirito, si comporta come uno strano specchio scultoreo infinitamente fluido e continuamente rimodellato» (Jousse 2004[1935], 5). La metafora, ripresa con altra termino­logia in Jousse (1974; 2009: 72), è preziosa perché allude a un aspetto peculiare delle operazioni di rigioco. Si tratta della possibilità, sperimentata dal costruttore di mimemi (o “mimatore”), di assumere la forma di quanto ricevuto, vale a dire, parafrasando Jousse (1978; 2009: 705), di “metamorfosizzarsi nell’oggetto mimato”: «L’uomo, come una sorta di micro­cosmo, riceve e rende in tutto il proprio essere corporeo e spirituale […] le innumerevoli azioni del macrocosmo […] A tal punto che il mimatore espressivo si metamorfosizza successivamente […] nell’[…] essere mimato e conosciuto […]». Tra gli esempi che l’Autore discute per approfondire quest’aspetto peculiare della costruzione mimemica, vi è il caso di un bambino allevato esclusivamente dalla madre. Analizziamolo. Fin dai pri­missimi istanti dell’addestramento verbale, la voce del bimbo tenderà a manifestare timbro e inflessioni tipiche della voce materna. Nella voce dell’uno sarà così possibile riconoscere la voce dell’altra: «[…] un bambino piccolo, esclusivamente allevato dalla madre, si trova a proferire in maniera del tutto inconscia i timbri e le inflessioni caratteristiche della pronuncia materna» (Jousse 2009[1978], 741). Il fenomeno è un effetto singolare di rigioco. La voce infantile reca in sé le tracce della voce materna – e può così “metamorfosizzarsi” in essa – perché l’apparato auricolare del bambino ne ha dapprima intercettato le vibrazioni sonore. Grazie alla coclea tali vibrazioni sono riprodotte nella forma di impulsi bio-elettrici “leggibili” dal cervello e ritrasmesse all’apparato laringo-boccale, che può quindi restituire in forma udibile (o megafonica) i suoni percepiti. Si danno allora due rigiochi: uno che sfrutta le risorse dell’apparato auricolare (rigioco microfonico) e un altro che sfrutta le risorse dell’apparato laringo-boccale (rigioco megafonico). In sintesi: «Il suono che si è giocato mimologicamente e microfonicamente nell’orecchio interno ha la tendenza a rigiocarsi mimologicamente e mega­fonicamente sulle labbra».6 Quanto al vocabolo “intussuscezione”, esso specifica, nella forma di designazione tecnica, le fasi precedenti il rigioco e da questo previste come condizioni preliminari alla costruzione mimemica: «Se siamo poveri di intussuscezioni, saremo poveri di rigiochi» (Jousse 2009[1974], 63). In buona sostanza, si tratta di un termine che indica, al pari di “gioco”,7 i meccanismi di assimilazione operanti nella recezione sensoriale di stimoli esterni. “Intussuscezione” pare però più adeguato di “gioco” e affatto compatibile con uno dei capisaldi teorici dell’antropologia joussiana, ossia l’idea secondo cui conoscere qualcosa equivalga a “inglobarla”. L’etimologia è in tal senso affatto trasparente e conforme alla metafora dell’inglobamento: «L’intussuscezione è la cattura (saisie) del mondo esterno (suscipere) portata all’interno (intus)» (Jousse 2009[1978], 702). Poco più avanti lo stesso punto è chiarito con maggior forza e incisività: «Conoscere un oggetto più o meno esaustivamente significa per un “composto umano” ricevere innanzitutto in sé […] un numero più o meno grande di azioni transitorie di quest’oggetto su tale o talaltro oggetto» (Ibidem, 703). Un’ultima indicazione: il concetto di intussuscezione interviene nella definizione di mimema allorché quest’ultimo è presentato come “gesto intussuscezionato”, ossia assorbito e riprodotto dal “composto umano”. Ciò è quanto si può leggere in Jousse (1935): «[…] un complesso di mimemi o gesti mimimologici intussuscezionati».8 Anche Ducard (2009, 71) coglie l’importanza di questo legame. Nei due paragrafi successivi, proverò a sviluppare alcune conseguenze teoriche di tale nesso tentando di legarle all’ipotesi del gesto mentale.

5.2 Intermezzo: dal gesto corporeo…

Prima di tutto una precisazione preliminare. Finora ho adoperato i concetti di gesto e gestualità affidandomi per lo più alle conoscenze tacite e intuitive del lettore. Ho deciso di procedere così perché mi è parsa una scelta più economica. Pertanto, anche nella stesura del paragrafo in corso (e di quelli seguenti) mi atterrò al rispetto di questo principio minimo con una lieve trasgressione che preannunzia contenuti di cui tratterò in seguito. Mi riferisco a una prima, e sia pure approssimativa, definizione di “gesto”. In Jousse (1978, 2009, 687-688), il vocabolo designa ogni sorta di movimento (conscio, inconscio, visibile, invisibile, etc.) compiuto dall’essere umano; anzi, dal “composto umano”. La motricità è così, nell’ottica dell’Autore, un ingrediente essenziale del gesto: «Chiamiamo gesti tutti i movimenti che si eseguono nel composto umano. Visibili e invisibili, consci e inconsci, volontari o involontari, essi accusano non di meno la stessa natura essen­zialmente motrice. […] Nell’uomo non è dapprincipio tutto “motricità”?». Aggiungo subito però che si tratta di un modo di presentazione abbastanza diffuso in letteratura e peraltro non immune da critiche. La più frequente è senza dubbio quella che mira a distinguere i gesti dai movimenti corporei puri e semplici. Secondo questo rilievo, avanzato da studiosi autorevoli come Kendom (2004) e fatto proprio da ricercatori di ultima generazione come Calbris (2011), è gesto ogni azione neuromuscolare (o movimento visibile del corpo) che comporti l’esecuzione di un atto comunicativo. Sulla base di questa definizione ristretta, non tutti i movimenti corporei sono gesti ma solo quelli investiti da un ruolo comunicazionale ben determinato. I rimandi di Culioli (2006) e Culioli (2011) alla sfera della gestualità non sembrano entrare nel merito di queste distinzioni. La nozione di gesto è data per acquisita, mentre la definizione di “gesto mentale” tende ad accorpare condotte senso-motorie e gesti finalizzati all’esecuzione di compiti specifici – o prassie. Inoltre, una lettura più avvertita dei testi esaminati mostra che le analisi di TOPE non sono limitate alle sole condotte visibili – come richiederebbe la definizione ristretta di “gesto” – ma includono tutti quegli aspetti dell’attività senso-motoria interni al soggetto, e perciò invisibili. Questo è quanto si può leggere in Culioli (2011, 10): «[…] la contraddizione del linguista è che esiste un’attività corporea interna, senso-motoria a cui non abbiamo accesso; e tuttavia, egli si occupa di cose alle quali abbiamo accesso». Il riferimento fugace a una senso-motricità interna non meglio qualificata – di cui però si possono fornire parecchi esempi (contrazioni muscolari degli organi fonatori, battiti del cuore, movimenti respiratori, etc.)9 – indica così che il metodo d’indagine di TOPE è orientato verso una concezione della gestualità “estesa” compatibile con buona parte delle intuizioni sviluppate dall’antropologia mimemica di Jousse. Quanto allo statuto comunicativo (o semio-comunicativo) del gesto, anch’esso è un punto sul quale TOPE non si impegna direttamente. Alcuni passi di Ducard (2009), in particolare Ducard (2009, 69-70), parrebbero confermare quest’aspetto peculiare. L’unica definizione esplicita di “gesto” riportata dall’Autore è ispirata infatti ad Armstrong et alii (2004) che aderisce a un “ideale” ristretto di gestualità: «Il gesto è compreso […] come un’attività neuromuscolare di ordine semiotico […] o di ordine linguistico (attraverso segni visivi o vocali convenziona­lizzati)». In realtà, il chiarimento proposto non sottende affatto l’appro­vazione di quest’ideale – e nemmeno la disapprovazione. Nelle linee essenziali, il contributo di Ducard (2009) resta dunque improntato alla massima cautela e non si discosta molto da Culioli (2006) o Culioli (2011). L’appro­fondimento di cui si fa carico (l’ipotesi del gesto mentale) e l’accosta­mento implicito suggerito (il gesto mentale come mimema) rappresentano invece due elementi di novità su cui occorre riflettere.

5.3 …al gesto mentale come mimema

Sul primo argomento, vale quanto discusso nei paragrafi 5, 5.1 e 5.2. Per quanto riguarda la seconda questione, è un’opzione teorica che proverò a giustificare nel corso di questo paragrafo. Vengo subito al punto: il concetto di mimema permette di approfondire un aspetto centrale dell’ipotesi del gesto mentale. Mi riferisco alle trasposizioni dal corporeo al simbolico cui ho accennato in § 4.3 con particolare riferimento a Culioli & Ducard (2011). Ricordo brevemente in cosa consistono tali processi: si tratta della trasformazione di esperienze senso-motorie in rappresentazioni mentali che “confluiscono” nelle dotazioni semantiche delle unità lessicali. Per descrivere questa trasformazione, l’Autore ricorre all’archetipo della chòra, ossia alla matrice (o ricettacolo) di cui parla il Timeo platonico e da cui il Demiurgo avrebbe plasmato tutto ciò che esiste. Stando a quanto riferisce Ducard (2009, 68), il vocabolo greco designa, nell’ottica di Culioli, la sede in cui avrebbero luogo i passaggi da una sfera all’altra: «Per qualificare il luogo intermedio di passaggio dal corporeo al simbolico, A. Culioli si riferisce a un ricettacolo, chòra in Platone (Timeo) – “un vuoto in attesa di” – che designa ciò che è situato tra sensibile e intellegibile».10 Il mimema joussiano consente, a mio avviso, di formulare un’ipotesi relativamente attendibile sulla forma di tali passaggi, ovvero sul modo in cui potrebbero realizzarsi. Quel che intendo sostenere è una lettura delle trasposizioni previste come caso particolare di gioco e rigioco. Suggerisco questa interpretazione perché alcuni passi di Culioli (2011) paiono richiamare indirettamente le operazioni soggiacenti alla costruzione mimemica. Nelle prime pagine di questo contributo fondamentale, e in riferimento a una nota tricotomia peirceana, l’Autore discute dell’impatto che gli stimoli percepiti esercitano sulla vita interna di ogni essere umano. L’espressione “vita interna”, adoperata nei passi summenzionati, copre sia l’attività mentale sia l’attività muscolare del soggetto ed è riferita, in termini più generali, alle risorse bio-cognitive che garantiscono la riproduzione degli stimoli ricevuti: «la vita interna è sollecitata, o sconvolta, o aggredita, etc. dalle percezioni che sono immedia­tamente interpretate e che, nello stesso tempo, fanno sì che si organizzi un certo stato interno. In particolare, una tensione muscolare e una sorta di gesto abbozzato – anche nel caso in cui il gesto appaia solo come fremito o piccolo movimento» (Culioli 2001, 9-10). Si ripropone così, sebbene sotto altre vesti terminologiche, la catena operativa di gioco e rigioco. Forse, l’evidenza testuale a disposizione richiederebbe maggior cautela: il nome di Jousse non ricorre in Culioli (2011) né altrove11, e le poche citazioni disseminate nel saggio interessano autori come Spinoza (Culioli 2011, 12) o Whitehead (Ibidem, 10). Proprio il riferimento a Whitehead, però, offre un punto di appoggio per proseguire in questa direzione. In una nota al testo redatta da Rémi Camus, leggiamo che qualche anno prima l’Autore ricorre a un concetto chiave del pensatore inglese, l’immediatezza presentazionale (presentational immediacy),12 per discutere dell’impatto degli stimoli esterni sulla nostra sensorialità: «Nel corso dell’incontro del 27 gennaio 2009 del Seminario della Rue d’Ulm, A. Culioli menzionava […] la presentational immediacy di Whitehead: “il sensoriale vi assale e vi informa (et vous en dit long)» (Culioli 2011, 9, n4). Il punto essenziale, al di là dell’uso fatto di questo concetto13 e ai fini dell’ipotesi sostenuta, è che il richiamo a pressioni di ordine sensoriale è già presente nel laboratorio concettuale dell’ antropologia mimemica. “La sigillante pressione del reale” cui accenna Jousse (1974, 2009, 62) è riferita, fuor di metafora, a pressioni di questo genere. Da qui l’aggancio con le operazioni di gioco e rigioco che prendono l’avvio dalla ricezione degli stimoli sensoriali. Il collegamento con le trasposizioni previste dall’ipotesi del gesto mentale è un passo successivo che può essere compiuto approfondendo le caratteristiche peculiari del rigioco. Come si è visto, rigiocare significa restituire in forma di riproduzioni corporee interiorizzate (o mimemi) quanto ricevuto dall’esterno. Sono mimemi le vocalizzazioni infantili che riproducono la forma timbrica e inflessionale della voce materna, oppure i movimenti delle braccia in avanti e indietro che il bambino compie innanzi alla madre per “rifare” i movimenti meccanici tipici di una locomotiva: «Dopo aver visto una locomotiva, per esempio, egli (i.e. il bambino, n.d.r.) va verso la madre per rigiocare e “recitare” cinemime­micamente, con le braccia che alternativamente si estendono e si ritraggono verso di lui, il movimento caratteristico del va-e-vieni delle bielle» (Jousse 2009[1978], 737-738). Più in generale, è mimema ogni movimento corporeo (interno o esterno) – ogni gesto, nel senso di Jousse (1978, 2009) – che comporti la riproduzione di aspetti della realtà registrati su base sensoriale:«[…] il Mimema, ovvero il gesto che riproduce il gesto caratteristico delle cose» (cit in Beaupérin 2006, 22). Il passaggio dal corporeo al simbolico – per riprendere i termini di § 4.3 – sta tutto in questa fase riproduttiva. Nel rifacimento di azioni, movimenti o altro è inscritta la costruzione di sostituti (o simulacri) corporei che il mimatore può riattivare in assenza di quanto riprodotto. Questa possibilità – di cui l’ultimo esempio è un’illustrazione molto chiara – prelude alla costituzione di entità simboliche in senso forte. Anzi, direi in almeno due sensi: uno in base al quale si tratta di dispositivi che prevedono un “rimando a…” (i movimenti in avanti e indietro delle braccia rinviano ai movimenti propulsori della locomotiva), un altro in base al quale si tratta di artefatti autonomi – o “scollati”, nelle parole di Jousse (1978; 2009: 728) – dalla sfera degli stimoli (azioni, oggetti, etc.) immediatamente percepiti. Una delle conseguenze principali di questo “scollamento” è la capacità, presente sin dalla prima infanzia, di rifare un rifacimento, o, per adoperare ancora la terminologia joussiana, di “rigiocare a vuoto”: «Nel Mimismo, il gesto cinemimico (i.e. basato su movimenti corporei esterni, n.d.r.) può, per così dire, “scollarsi” (se décoller) dall’oggetto e “rigiocarsi a vuoto” (se rejouer à vide)» (Jousse 2009[1978], 728). Gli effetti del rigioco a vuoto sono visibili non solo nella riattivazione di simulacri corporei in riferimento a situazioni o azioni passate, ma anche nella riattivazione degli stessi simulacri in riferimento all’impiego di qualcosa come qualcos’altro. Per esempio: tutte le “perfomances” ludiche che prevedono, per ogni oggetto dato, un uso difforme dall’uso quotidiano (banane adoperate come telefoni, bastoni adoperati come fucili o cavalli, etc.). Il mimatore può agire così perché è in grado di usare gli oggetti di cui dispone sulla base di mimemi che corrispondono alle modalità d’uso di altri oggetti. Grazie al recupero di tali mimemi, e al trasferimento delle modalità d’uso soggiacenti, ogni oggetto può assumere la forma virtuale di altri oggetti. La metafora della metamorfosi, già introdotta nel caso del rigioco, cattura l’essenza operativa del rigioco a vuoto: «Quando il piccolo anthropos si serve di un oggetto per il proprio gioco, l’oggetto, il più delle volte, è solo il supporto di mimemi interazionali che non hanno nessun rapporto con l’uso quotidiano di quell’oggetto e che, d’altra parte, possono variare indefinitamente. Un bastone non servirà più a colpire, bensì, sotto i gesti mimimologici del piccolo giocatore, si metamorfosizzerà in un cavallo, in un fucile, etc. Il giovane anthropos può giocare in qualsiasi modo con qualsiasi cosa» (Ibidem, 736). In linea con questa metafora, il simbolico come effetto del rigioco (a vuoto) prevede, oltre a un momento semiosico, un momento metamorfico che caratterizza tutte le articolazioni della costruzione mimemica e principalmente il lavoro dell’immaginario. Quest’ultimo riferimento può forse sembrare fuorviante. Il termine “immaginario” non appartiene al lessico tecnico dell’antropologia joussiana, che, d’altra parte, introduce “mimema” in aperta polemica con qualsiasi psicologia delle immagini: «L’Anthropos non è […] come riteneva Taine un “polipaio di immagini”, bensì un “complesso di mimemi” che rigioca ogni cosa» (Jousse 2009[1974], 58). Tuttavia, al di là dei toni talora provocatori («le immagini non esistono», leggiamo altrove (Ibidem, 127)), il tema dell’immaginario è ben radicato in Jousse. Basta saperlo cercare. Esso è senza dubbio presente nei pochi ma significativi passi dell’Anthropologie du geste che presentano l’immaginazione come caso particolare di rigioco: «Rigiochiamo sempre. E avremo […] una combinazione di rigiochi che si aggiustano attraverso uno stesso raggio di curvatura e questo è ciò che si chiama Immaginazione» (Ibidem, 70).14 O ancora nei lavori di interpreti posteriori, tra cui Beaupérin (2006), che provano a ridurre, attraverso un attento lavoro analitico, la distanza tra mimema e immagine: «[…] non bisogna dimenticare che la parola immagine viene da radici indo-europee: im che è il
gesto di imitare e ag che è il gesto di spingere innanzi a sé; dunque la parola immagine ha un senso dinamico che è stato perso in seguito» (Beaupérin 2006, 21). Ma il punto di contatto effettivo con la sfera dell’immaginario resta l’idea di mimema come artefatto gestuale “scollato” dalla realtà che pure ricalca. Vediamo come. Proprio perché i mimemi possono transitare da un oggetto all’altro, il mimatore è in grado di usare qualcosa come qualcos’altro e creare, sulla base di queste transizioni, un universo fittizio (o finzionale) dove l’identità degli enti manipolati è plasmata dal gesto soggettivo che li mima: «Ben presto il piccolo anthropos non vive più, parrebbe, per manipolare il reale oggettivo, bensì per sistemare le interazioni dei propri mimemi soggettivi» (Jousse 2009[1978], 730). Per essere trasferito, però, il mimema deve essere interiorizzato ossia conservato in memoria come repertorio di azioni riattivabili all’occorrenza. Solo in questo modo può essere sganciato dalle circostanze immediate che lo hanno prodotto ed essere riprodotto altrove nelle forme privilegiate dal mimatore. Ogni mimema comporta così non solo la riproduzione corporea di qualcosa (processi, eventi, etc.) ma anche la costituzione di un repertorio memorizzato di azioni virtuali disponibili alla riattivazione. Nella lettura del gesto mentale che propongo, questo aspetto è cruciale. I gesti mentali – come si è detto (cfr. Ducard 2009) – sono «condotte corporee interiorizzate» e per ciò stesso convertite in rappresentazioni mentali di qualche tipo. L’accostamento coi mimemi permette di formulare una prima ipotesi sulla forma di tali rappresentazioni. In altre parole, esso suggerisce di vedere nei gesti mentali le tracce memorizzate di esperienze senso-motorie interne ed esterne. Anche in questo caso però si tratta di congetture. I testi di TOPE che introducono la nozione di gesto mentale – o almeno quei testi di cui sono a conoscenza – non si impegnano su questo punto né tanto meno, con la sola eccezione di Ducard (2009), propongono un confronto con la nozione di mimema. Eppure, vi sono delle somiglianze notevoli; non solo perché TOPE promuove una concezione della gestualità compatibile con l’idea di gesto enucleata dall’antropologia joussiana ma anche perché l’analogia “gesto mentale/mimema” è confortata da un altro singolare parallelismo che interessa il ruolo dei testi (e delle lingue) nei rispettivi domini di analisi. Per TOPE è a partire dai testi che è possibile risalire ai gesti mentali. Per Jousse ogni lingua è un «sistema di mimemi» e le parole, a loro volta, sono ricettacoli di mimemi: «Una lingua è anzitutto un sistema di “Mimemi” soggiacenti a parole differenti» (Jousse 2009[1974], 129). Indicativo in tal senso è il ruolo assegnato all’etimologia. Si tratta di una visione affine al punto di vista di TOPE15 che presenta le radici lessicali come tracce (o “trasposizioni”) sonore di gesti corporei memorizzati: «Abbiamo qui a che fare con il meccanismo dell’etimologia attraverso il mimismo: ritrovare sotto le radici delle parole i gesti […] soggiacenti».16 Insomma, vi sono corrispondenze significative che lasciano intravedere una chiave di lettura plausibile per l’ipotesi del gesto mentale e, dall’altro, una esemplificazione chiara dei rapporti tra le sfere del verbale, del linguistico e del linguaggero. Che era poi quello di cui intendevo discutere in questo saggio.

6 | Conclusioni in forma di contrappunto.

L’analisi dei termini su cui poggia la partizione introdotta da TOPE ha permesso di distinguere tre sfere (o livelli di descrizione) peculiari dell’attività di linguaggio umana. Riassumendo: il livello dell’attività verbale – o processi di audizione e fonazione che caratterizzano il piano dell’interlocuzione; il livello delle regole linguistiche – o delle relazioni che specificano l’apparato formale di una lingua storico-naturale; il livello delle dinamiche linguaggere – o delle operazioni ideoprassiche che concorrono alla costruzione del significato. Si tratta di distinzioni che non equivalgono a linee di demarcazione rigide. Il senso delle differenze enucleate ha un valore di segno opposto. “Verbale”, “linguistico” e “linguaggero” sono etichette metalinguis­tiche che garantiscono l’accesso ad aspetti diversi dell’attività di linguaggio e che, per un altro, fissano le condizioni terminologiche a partire da cui determinare i legami tra questi aspetti. Il punto essenziale è la forma dei legami individuati. Nei paragrafi precedenti, ho parlato di “sovrapposizioni” o talora di “confini fluidi” tra una sfera e l’altra.

6.1 Un’ipotesi di lavoro: l’inclusività dei livelli

Le relazioni stabilite potrebbero essere descritte nei termini di inclusioni di un livello nell’altro: il “verbale” è incluso nel “linguistico” che è incluso a sua volta nel “linguaggero”. La struttura di queste inclusioni a cascata va giustificata sulla base di osservazioni puntuali e mirate. I processi di audizione e fonazione che costituiscono il piano dell’interlocuzione sfruttano necessariamente le risorse espressive di almeno una lingua data. Se questa non è una ragione sufficiente per provare che la sfera del verbale è inclusa nella sfera del linguistico, essa mostra tuttavia che un livello non può essere esaminato indipendentemente dall’altro: le forme sonore scambiate da locutori e co-locutori sono sempre le forme di almeno una lingua particolare. I confini del “linguistico” però sono più ampi di quelli che delimitano il “verbale”: accanto alle fonìe, esso prevede le grafìe e le complesse relazioni tra questi piani.17 Il “verbale” è così una sottosfera del “linguistico” nel senso che, sebbene ogni emissione di suoni articolati è una forma linguistica, non tutte le forme linguistiche sono emissioni di suoni articolati. L’inclusione del “linguistico” – e, per transitività, del “verbale” – nel “linguaggero” si spiega invece sulla base della nozione di ideoprassi introdotta in riferimento all’attività di linguaggio. Con questo vocabolo, TOPE mira a enfatizzare tutti quegli aspetti di tale attività che oltrepassano (pur includendole) le sfere del verbale e del linguistico. L’ideoprassi copre un’ampia varietà eterogenea di pratiche e operazioni che vanno dalle condotte mimico-gestuali – comprese quelle condotte particolari che sono i “gesti” (o movimenti) degli organi fonatori – fino all’attività fantasmatica della psiche, le endofasie e le forme di simbolizzazione più disparate (riti, narrazioni mitopoietiche, produzione di oggetti d’arte, etc.). Vista come controparte metalinguistica dell’ideoprassi, la sfera del linguaggero è quindi ampia a sufficienza per coprire le sfere del linguistico e del verbale. Anche in questo caso i livelli di descrizione sono legati da rapporti di dipendenza molto stretti. Basta approfondire alcuni aspetti dell’interlocuzione per averne conferma: non solo non vi è articolazione fonatoria nella quale non siano riconoscibili le forme di almeno una lingua data, ma soprattutto non vi è scambio di forme sonore che non si realizzi attraverso condotte di ordine mimico-gestuale. Ogni parola proferita trascina con sé un numero considerevole di movimenti corporei che comprendono, oltre ai movimenti degli organi fonatori, movimenti del capo, delle mani, espressioni del volto (le parole – leggiamo in Culioli & Normand (2005, 168) hanno un «valore facciale»)18, aggiustamenti posturali, etc. Per dirla con Lapaire (2013, 57), «il corpo che parla è un corpo in movimento». I giochi interlocutori sono così saldamente ancorati a repertori di condotte mimico-gestuali (o «mimemiche») integrate nella costruzione del significato e costituite a loro volta in funzione di tali giochi: «Il corpo parlante è un corpo in movimento impegnato nella costruzione e nella trasmissione del senso: ai movimenti articolatori dei suoni si congiungono l’animazione del volto (mimiche facciali), i movimenti delle mani, le inclinazioni della testa e del tronco, che costituiscono altrettanti aggiustamenti posturali innanzi al corpo degli altri e di fronte agli oggetti concepiti o esperiti, visibili o invisibili, reali o simbolici, convocati e manipolati nello spazio gestuale. […] Questi movimenti corporei vanno ben al di là della semplice codifica multimodale del senso. Quel che è rappresentato si inscrive corporalmente nello spazio interlocutivo: il soggetto parlante presta il proprio corpo alle significazioni che nello stesso tempo fabbrica […] e mette in scena». Lo stesso, mutatis mutandis, vale per il “corpo che scrive”. Anch’esso è un corpo in movimento, ma in modo diverso: i movimenti degli organi fonatori cedono il passo ai movimenti coordinati di mani, occhi, braccia e avambracci – che si lavori con carta e penna o si digiti al computer. D’altra parte, non mancano le sovrapposizioni: il corpo che scrive può tacere del tutto (e in tal caso «le qualità sonore ed espressive della voce saranno rimpiazzate da un tracciato sensibile […] nel quale lo scrittore si investe pienamente» (Mandel 1992, 86)) oppure può interrompere il silenzio con brevi proferimenti, esclamazioni improvvise, con o senza arresto del gesto scritturale, fino a scandire ad alta voce le parole via via scritte. Può trattarsi di un esercizio solitario o di una pratica interindividuale che prevede, come i giochi interlocutori, uno scambio di forme (grafiche e non più sonore). Lo scambio inoltre può essere differito nel tempo (come nelle corrispondenze epistolari) o svolgersi in tempo reale (come nelle chats on-line) – e in tal caso sarà più probabile che il gesto scritturale si combini con le mimiche, i gesti fonici e, più verosimilmente, con entrambi. Insomma, la parola scritta, come la parola proferita, trascina con sé un universo di condotte mimico-gestuali – più genericamente, di condotte corporee – che si inscrivono anch’esse (o una buona parte) in un gioco di scambi reciproci. Nel contesto di tali scambi (grafici, fonici, grafico-fonici, mimico-grafico-fonici, etc.), le endofasie hanno un ruolo capitale: ogni interazione prevede la possibilità di “discorsi interni taciti” che ciascun attore indirizza a sé stesso in riferimento all’altro, all’altro in riferimento a sé stesso o a sé stesso in riferimento a sé (come altro). Tutte queste varianti, unite alle risorse fantasmatiche della psiche, sono parte costitutiva dell’ideoprassi e confermano sul piano metalinguistico che il linguaggero è ampio a sufficienza per coprire le sfere del linguistico e del verbale. Vi è così un livello di descrizione, il “linguaggero”, che contiene gli altri due, il “linguistico” e il “verbale”, e che garantisce, in virtù delle relazioni stabilite, un punto di vista globale sull’attività di linguaggio.

6.2 Alcune oscillazioni terminologiche

Tra i lavori di TOPE che esaminano tali rapporti, alcuni però sembrano discostarsi dalle definizioni introdotte. Per esempio, il modo in cui Culioli (1974, 53) distingue tra “linguistico” e “linguaggero” non combacia con le partizioni di Culioli (1981). Secondo le indicazioni di questo lavoro più recente, il vocabolo “linguaggero” è adoperato in riferimento all’attività di linguaggio, mentre “linguistico” designa le operazioni di cui le unità testuali sono traccia: « […] linguaggero (che attiene all’attività di linguaggio), linguistico (termine che rinvia alle operazioni complesse le cui tracce sono le configurazioni testuali)». Le differenze principali, rispetto ai lavori più tardi, interessano tre aspetti. In primo luogo, il modo di presentazione del linguaggero risulta troppo generico: non contiene il benché minimo riferimento alla sfera dell’ideoprassi (e alla varietà di fattori di cui è composta) né alle “operazioni di linguaggio in situazione” che costituiscono lo specifico dell’attività di linguaggio. In secondo luogo, i rapporti tra “linguistico” e “linguaggero” non sono impostati con la dovuta chiarezza. Da quanto esaminato in precedenza, abbiamo acquisito che, nell’ottica di TOPE, la sfera del linguistico copre le regole e le relazioni che specificano l’apparato formale di una lingua storico-naturale. Una lettura più attenta delle pagine culioliane permette inoltre di identificare ogni forma con una via d’accesso a operazioni di linguaggio specifiche (le forme – recita uno degli slogan più consolidati di T.O.P.E – sono marcatori, ossia tracce materiali di operazioni di linguaggio soggiacenti). Il linguistico sarebbe così un modo di manifestazione del linguaggero. Le distinzioni di Culioli (1974) però vanno ben oltre queste conclusioni e modificano l’impianto generale dello schema tripartito. In particolare, esse trasformano le condizioni d’impiego del termine «linguistico»: il vocabolo non è più adoperato, come in Culioli (1981), per designare le configurazioni di marcatori che passano attraverso una lingua data, bensì per indicare le operazioni complesse (quali?) di cui tali configurazioni sono traccia. Da qui una sovrapposizione di piani che ingenera non poca confusione: il livello delle operazioni di linguaggio soggiacenti alle configurazioni di marcatori è comunemente associato alla sfera del linguaggero – o, in senso ampio, alla sfera dell’ideoprassi. Culioli (1974) elimina quest’associazione e ne istituisce un’altra, che riconduce simili operazioni alla sfera del linguistico. Sorge così un duplice problema: non è chiaro quale sia lo statuto peculiare di queste operazioni e non è chiaro, di conseguenza, in che senso e in che misura esse vadano distinte dalle operazioni dell’attività di linguaggio. In terzo luogo, non vi è nessun riferimento alla sfera del verbale. In questo caso, lo schema prevede, accanto a «linguistico» e «linguaggero», il termine «metalinguistico», adoperato per descrivere il laboratorio concettuale del linguista teorico: «metalinguistico […] rinvia all’attività del linguista, nella misura in cui quest’ultimo descrive, rappresenta ed eventualmente simula i fenomeni osservati (produzione e prodotti) di ordine linguaggero e linguistico» (Culioli 1974, 53). Il che comporta, nello stesso tempo, un arricchimento e un impoverimento delle descrizioni di T.O.P.E: la presenza di «metalinguistico» permette di mettere a fuoco l’attrezzatura teorica che il linguista mobilita nell’analisi dei fenomeni esaminati; l’assenza di «verbale» priva lo schema tripartito di un importante parametro di riferimento centrato sugli atti reciproci di ascolto e fonazione che costituiscono il piano dell’interlocuzione. A cosa attribuire queste differenze? E soprattutto: come integrarle nel quadro generale delineato? Al primo quesito rispondo con un’ovvietà: Culioli non ha mai prodotto monografie; anzi, si è sempre rifiutato di scriverne una. Non è questa la sede per discutere le ragioni di questa scelta. È chiaro però che essa non può non avere avuto un ruolo determinante nelle oscillazioni e nelle discontinuità (talora molto profonde) che attraversano la produzione scientifica dell’Autore. Si può supporre che l’assenza di opere sistematiche abbia influito profondamente sui mutamenti delle terminologie adoperate e, di conseguenza, sulla stabilità dell’apparato concettuale. Fatta eccezione per i tre tomi di Pour une linguistique de l’énonciation (che raccolgono solo alcuni dei contributi principali di TOPE), l’intera attività scientifica culioliana si è riversata nella stesura di articoli e nella compilazione di seminari dottorali, spesso trascritti dagli allievi e fatti circolare entro ristrettissime cerchie di adepti. È molto probabile allora che un territorio scientifico così costruito sia particolarmente predisposto a rimaneggiamenti continui e – come nel caso di «linguistico» e «linguaggero» – a variazioni improvvise che modificano il significato metalinguistico dei termini impiegati. Quanto al secondo quesito, le differenze individuate possono essere integrate attraverso un ampliamento dello schema tripartito, ossia introducendo, accanto a «linguistico», «verbale» e «linguaggero», un quarto termine-chiave: «metalinguistico». Resta il fatto però che si tratta di un’integrazione parziale, perché il passaggio a uno schema ampliato (o tetrapartito) lascia del tutto aperta la questione relativa al mutamento semantico di termini-chiave come «linguistico» e «linguaggero». Insomma, solo per dire che i problemi rilevati restano aperti e in attesa di opportune soluzioni. Agli eredi di Culioli, straordinario linguista del ventesimo secolo, l’onore e l’onere di sperimentarle.

Footnotes

1Corsivi miei.
2Un revisore anonimo mi fa notare che «se si radica il verbale nel linguistico e questo nel linguaggero», forse vi «sarebbe bisogno di supporre che il verbale sia un luogo ibrido». L’osservazione è acuta e tocca un punto su cui, a mio avviso, molto si dovrebbe lavorare. Purtroppo, gli scritti culioliani non sono al riguardo particolarmente espliciti. Forse, altri programmi di ricerca potrebbero offrire spunti di riflessioni preziosi. Per esempio, la Prassematica di Robert Lafont (cfr. Lafont 2004, 2007). Nei limiti di questo saggio però preferisco non addentrarmi nell’analisi di altre ipotesi di lavoro. Mi riprometto perciò di approfondire quest’aspetto nell’ambito di ricerche future.
3Grassetti nel testo.
4O che forse «occorrono su tutte e tre le sfere dell’attività di linguaggio». Anche in questo caso il revisore anonimo coglie un punto di cruciale importanza. Anche in questo caso rimando ad altra sede l’approfondimento di questo secondo suggerimento.
5Ducard (comunicazione personale).
6Ivi. Il passo va letto tenendo conto anche di Jousse (1974, 2009, 56):«[…] le vibrazioni sonore […] vengono a colpire il nostro apparato auricolare che le rigioca (rejoue) microfonicamente con la tendenza a irradiarle megafonicamente nell’apparato laringo-boccale». Sebbene non vi sia nessun riferimento al caso discusso circa settecento pagine dopo, esso ne contiene in nuce tutte le fasi caratterizzanti. Peraltro, le poche righe citate collocano il rigioco già a livello auricolare; aspetto, questo, che, almeno sul piano terminologico, è assente in Jousse (1978, 2009, 741). Va segnalato però che una pagina prima l’Autore parla di “mimemi auricolari” (mimèmes auriculaires) in riferimento alle tracce rilasciate dalle vibrazioni sonore negli organi dell’orecchio interno. Dal momento che, nell’ottica di Jousse, ogni mimema è il risultato di un rigioco, ho ritenuto opportuno descrivere negli stessi termini questo processo.
7Per un esame delle affinità tra “gioco” e “intussuscezione” nell’ambito dell’antropologia mimemica di Jousse, cfr. Langlois 2002.
8Trad. it. in Colimberti 2004 p. 5. Per un esame dei rapporti tra “mimema” e “intussuscezione”, cfr. Beaupérin 2006.
9Su questo punto, cfr. Fontanille 2004, 134.
10Su questo punto, cfr. anche Normand 2006, 112 n. 20:«Nei suoi interventi recenti sull’argomento, A. Culioli ricorre ugualmente al termine “chòra”, termine pitagorico e platonico (Timeo) definito come “uno spazio in vista di qualcosa, un vuoto in attesa di” (seminario del 15/11/05)».
11Sebbene Jousse citi Culioli et alii 1970. In particolare, cfr. Jousse 2009[1978] 701 n. 20. Il riferimento tuttavia non offre alcun sostegno all’ipotesi discussa. Resta semmai, per chi volesse apprezzarlo, lo stupore di una coincidenza piacevole (almeno per lo scrivente).
12Qualche sparuto riferimento alla presentational immediacy è già reperibile in Culioli & Normand 2005, 271:«CULIOLI: […] in Whitehead vi è qualcosa che è un po’…(pausa) vi è quel che egli chiama “l’immediatezza” e poi “il legame causale”. Ma si tratta sempre della stessa cosa […]».
13Che andrebbe comunque approfondito. Per un primo esame, cfr. Culioli & Ducard 2011, 161-163.
14Sullo stesso tema, cfr. Jousse 1974 (2009) p. 16.
15Quest’aspetto non è sfuggito a Ducard (2009, 70): «L’idea joussiana secondo cui […] l’etimologia può ricondurci al mimismo […] mi pare possa accordarsi con una certa maniera di ricorrere, in Culioli, all’indagine etimologica».
16Jousse 2009[1978], 709 n. 29. Per ulteriori approfondimenti, cfr. Ibidem, 748: «[…] le radici sono semplicemente la trasposizione sonora di antichi gesti cinemimemici […]». Un suggerimento prezioso in tal senso è offerto da uno dei revisori anonimi del testo secondo cui nel ragionamento di Jousse sarebbe intuibile una « una sorta di riformulazione implicita del concetto di Lautgebärde (Schuchardt) e del problema dell’espressività del linguaggio (problema che era avvertito come affine alle onomatopee)».
17Sulle relazioni tra fonìe e grafìe, osservazioni di estremo interesse sono reperibili in Masson 2001, 171-177.
18Riporto il passo: «CULIOLI: […] in quanto essere di linguaggio, prendo le parole con il loro “valore facciale”; […]». Per un approfondimento, cfr. Ducard 2009b, 57-63.